Home storia del centro

 

Nel 1978, visto il danno dovuto allo svuotamento totale del lago di Molveno negli anni '50 ad opera dell'E.N.E.L. per costruire la condotta per sfruttare l'acqua del lago per la centrale idroelettrica di S.Massenza, l'associazione provvede all'allestimento di due piccole costruzioni in lamiera in località Poia sulla sponda orientale del lago di Molveno nelle quali vengono sistemate le vasche per lo sviluppo delle uova di trota fario, iridea, lacustre. Inoltre si tenta il difficile progetto di reintrodurre il salmerino alpino allevando uova prelevate con varie pescate dal lago di Iseo (Bs). Questo è stato possibile perchè negli anni '40 prima dello svuotamento del lago, a Molveno pescava per professione una famiglia gli Archetti, provenienti da Mont'isola sul lago di Iseo, i quali, visto l'importanza economica della specie, avevano introdotto a varie riprese il salmerino alpino nel proprio lago, portando le uova dal lago di Molveno al lago di Iseo.

Le semine di salmerino alpino vanno avanti negli anni e di pari passo crescono anche i dubbi sulla riuscita dell'impresa. Fortunatamente ad un certo punto i dubbi svaniscono quando si iniziano ad avere le prime catture. Non sono molte, ma i salmonidi sono di buone dimensioni sui 5-6 etti.

L'entusiasmo aumenta e nel 1998 si decide di spostare le vasche in un edificio più grande di proprietà del Comune di Molveno in località Ischia.

Nel 2004, da un'idea dell'Associazione Dilettanti Pesca Sportiva Molveno con il supporto:

  • del Comune di Molveno
  • della Provincia Autonoma di Trento
  • del Parco Naturale Adamello Brenta
  • Enel S.p.a.
  • Il Bacino Imbrifero Montano

prende forma il centro ittiogenico di Molveno, la struttura è molto più grande dei normali centri di allevamento, perchè dovrà avere valenza a livello Provinciale, Molveno per le sue caratteristiche uniche, viene riconosciuto come luogo ideale per l'allevamento del salmerino alpino. Le acque del rio Massò, provenienti direttamente dalle Dolomiti del Gruppo di Brenta, risultano essere particolarmente indicate per l'allevamento: limpide, particolarmente pulite e fredde tutto l'anno. Le temperature variano dai 5°C invernali ai 7°C estivi.

Nel 2005 inizia ufficialmente l'attività di allevamento del salmerino alpino.

Nel 2009 inizia ufficialmente l'attività di allevamento della trota lacustre.

Abilitazione alla pesca
che preda cerchi?
 
Area riservata
Top 100 Joomla